Gabriella Carrara Verdi

 

 

Gabriella Carrara Verdi
Custode dei cimeli del Maestro

Ha sempre vissuto nella villa di Sant’Agata
Conosce come pochi altri la vita del Cigno

Discendente della famiglia del maestro, sorella del notaio Alberto (scomparso nel 2001) e notaio lei stessa, è stata a lungo la principale sua collaboratrice nello studio notarile di Busseto. Donna di grande dirittura morale e di profonda cultura, sa essere riservata e, al contempo, amabile; sempre disponibile ad aiutare chi poteva avere bisogno della sua esperienza e delle sue capacità. Appassionata di viaggi che l’hanno portata in ogni continente, è una frequentatrice dei teatri. Tra le opere verdiane (che conosce tutte a fondo) ama particolarmente «Un ballo in maschera».
Non va dimenticato poi il suo impegno civico, che l’ha portata anche ad essere amministratrice dell’ospedale e della casa di riposo di Busseto.
L
a sua dedizione alle care memorie verdiane di cui è custode nel senso più spirituale del termine, quasi fosse la vestale del tempio verdiano che è la Villa Verdi di Sant’Agata.
Nata e vissuta nella grande e storica dimora del maestro, conosce come pochi altri le vicende della vita del Cigno. E’ d’altronde l’ultima ad aver frequentato, in famiglia, coloro che avevano vissuto con Verdi.
Fra tutti la nonna Maria Filomena, erede universale del maestro, ed il padre Angiolo, lui stesso notaio, il quale ebbe anche altre due figlie (Mariolina e Carla), oltre ad Alberto.
A lei la famiglia aveva affidato, quasi naturalmente, la conservazione gelosa dei ricordi e dei tanti cimeli, così preziosi, presenti a Sant’Agata.
Attenta ed instancabile studiosa del maestro, pubblicò anche diversi saggi su aspetti della su a vita. Non a caso, a lei, studiosi, cultori, giornalisti e semplici appassionati si rivolgono per avere le notizie più affidabili, oppure quelle meno conosciute o inedite. A tutti, con grande disponibilità e cortesia, sa raccontare episodi e aneddoti, che trasmette volentieri, specie ai nipoti e ai famigliari.

Villa Verdi
Acquistata nel 1848 e poi ristrutturata
Villa Verdi a Sant’Agata (frazione di Villanova sull’Arda), fu acquistata dal maestro nel 1848 che vi abitò e vi lavorò dal 1851.
Fu Verdi stesso a curare il progetto di ampliamento della casa originale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *