Verdi, l’italiano


 

 

 

Alla vigilia del bicentenario della nascita, il maestro Riccardo Muti dedica a Verdi queste libro che è insieme un omaggio appassiona to al compositore e un viaggio illuminante nelle sue opere. Ed è anche un tentativo – da parte del suo massimo interprete assieme a Toscanini – di fargli riconoscere nella storia della musica l’importanza che merita. Se infatti Mozart o Wagner sono indiscutibilmente considerati giganti nei loro Paesi d’origine e nel mondo intero, da noi Verdi è spesso stato presentato come il compositore dei motivetti facili e orecchiabili ed è stato in molti casi eseguito senza rispetto filologico, come se le sue partiture potessero essere modificate e adattate a piacimento. Ma Verdi – argomenta Muti – è un genio assoluto, è il patriarca della musica italiana e, se pure mette in scena le grandi passioni umane, lo fa sempre nella cornice di una straordinaria raffinatezza e nobiltà delle espressioni.
Nelle pagine di Verdi, l’italiano, scritte con la massima autorevolezza ma anche in un linguaggio coinvolgente e per nulla pedante, i lettori vengono quindi accompagnati a scoprire il vero fascino di questo musicista, scandagliando il perfetto accordo tra parole e note che fa di ogni sua opera – non solo di Rigoletto, Traviata e Trovatore – un capolavoro di teatro. Ma la grandezza di Verdi sta anche nella tragedia dell’uomo moderno davanti a Dio come magistralmente resa nel Requiem, nell’interpretazione ineguagliabile dello spirito italiano che lo fece addirittura assurgere a bandiera del Risorgimento e in opere assolute quali Otello e Falstaff, frutti della maturità e di una finissima consapevolezza dell’incedere verso il tramonto della vita.
squarci nel genio di Verdi rimane la capacità eccelsa di leggere e raccontare in musica l’animo dell’uomo, di ogni uomo. Ragione per cui l’umanità, oggi e in futuro, ha e avrà sempre bisogno di Verdi.
RICCARDO MUTI, nato a Napoli nel 1941, è uno dei più acclamati direttori d’orchestra del mondo. Nella sua straordinaria carriera ha diretto le più importanti orchestre italiane e internazionali.
ARMANDO TORNO, nato a Milano nel 1953, è editorialista del «Corriere della Sera». Autore di saggi di carattere filosofico e teologico, ha scritto Mozart a Milano (Mondadori 2004) e, con monsignor Pierangelo Sequeri, Divertimenti per Dio. Mozart e i teologi (Piemme 1991). Da tredici anni conduce Musica Maestro su Radio 24.

Verdi è il musicista della Vita, e certo è stato il musicista della mia vita. È un compositore talmente capace di mettere a nudo e trattare le nostre passioni e i nostri dolori, i nostri pregi e i nostri difetti, che noi ci riconosciamo in essi, e questo è uno dei motivi della sua universalità. Fino a quando l’uomo resterà tale, con le sembianze di oggi, e non avrà come in Star Trek le orecchie lunghe, la testa a fungo e le gambe rattrappite, ogni generazione troverà nella musica di Verdi una parola di conforto

Riccardo Muti

CONTINUA A LEGGERE>>>>>